ISCRIZIONI CENTRO STUDI ALTO VASTESE

Categorie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Lo Zigolo testanera in Abruzzo presente solo nella valle del Trigno

zigolo testaneraLo Zigolo testanera o capinero (Emberiza melanocephala Scopoli, 1769) è un uccello che appartiene alla famiglia degli Emberizidae. Lo Zigolo testanera è raro in Italia. E’ presente con un  numero limitato di coppie nel centro-sud, in particolare nel Gargano, Murge, Molise, Basilicata e Calabria e in alcune aree tirreniche della Toscana.

In Abruzzo è presente come nidificante esclusivamente lungo la valle del Trigno, nel medio e alto vastese (Fonte: Uccelli d’Abruzzo, vol. 2, P. Santone. p. 137-138).

E’ stato segnalato anche alla foce del fiume Sangro. In Abruzzo sono state stimate 10-20 coppie nidificanti. La specie si rinviene con frequenza anche nel vicino Molise, in particolare nell’area del lago di Guardialfiera.

Distribuzione dello Zigolo testanera in Abruzzo. Come evidenziato dai cerchi neri nella cartina (tratta da Uccelli d’Abruzzo, vol. 2, a cura di P. Santone), le località in cui la specie nidifica sono nel vastese e zone limitrofe in territorio molisano (Trivento). I cerchi bianchi indicano le aree di possibile espansione della specie.

La presenza lungo la Valle del Trigno di un buon numero di coppie di Zigolo testanera conferma la grande rilevanza ambientale di questa parte poco conosciuta d’Abruzzo. Il vastese e l’area del fiume Sangro rappresentano in Abruzzo un’enclave significativa per la riproduzione di specie fortemente minacciate e protette a livello europeo. In particolare per la Ghiandaia marina, il Gruccione, il Nibbio reale, il Nibbio bruno e molte altre.  E’ necessario tutelare l’entroterra vastese con l’istituzione di aree naturalistiche protette, per consentire la conservazione delle specie e dei loro habitat, come richiesto esplicitamente dalla normativa europea (Direttiva Habitat e Direttiva Uccelli in primis).

DESCRIZIONE e COMPORTAMENTO DELLA SPECIE. Tra gli zigoli europei è tra i più grandi, con una taglia media di 17 cm di lunghezza e quasi 28 grammi di peso. Il maschio ha le parti inferiori gialle senza strie. Testa nera con collare giallo, dorso castano senza bianco sulla coda. Testa brunastra d’autunno. La femmina è scura, striata bruno oliva di sopra. Si distingue dagli altri Zigoli col petto giallo per le parti inferiori senza strie; sottocoda giallo.

Voce. Un breve forte zitt ed un meno acuto, più calmo zii. Il canto è insolitamente piacevole per uno zigolo; comincia con poche note lente e finisce con un affrettato gorgheggio musicale.

Habitat. E’ una specie migratrice di origine Est-mediterranea che sverna in Asia. Abita terreni aperti con boschi sparsi e sottoboschi, oliveti, giardini, fianchi aridi, calanchi e aree con vegetazione bassa delle montagne rocciose. Nidifica nella bassa vegetazione.

Alimentazione. Il cibo costituito da semi di erbe selvatiche varie, Insetti, frutti selvatici, ecc.

Articolo di: Ivan Serafini

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Il picchio, tra gli uccelli più affascinanti dei nostri boschi

Il nibbio reale, simbolo del vastese e della Valle del Trigno. Specie a rischio di estinzione senza alcuna tutela

Ghiandaia marina nella valle del Trigno

Il Rigogolo: una delle specie più belle dell’avifauna italiana