ISCRIZIONI CENTRO STUDI ALTO VASTESE

Categorie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

La Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Palmoli (Ch)

Chiesa di Santa Maria delle Grazie Palmoli Tipologia: Impianto a tre navate

Ubicazione: Via Veneto, Palmoli

Utilizzazione: Fruibile, chiesa regolarmente officiata

Epoca di costruzione: Ante XVI secolo; trasformazioni successive: XVIII e XIX secolo.

Stato di conservazione: Buono stato di conservazione per l’interno e l’esterno della fabbrica. Mediocre per l’interno della torre campanaria (che potrebbe essere un altro percorso di visita del museo diffuso palmolese). La posizione strategica della chiesa ricostruita nel ‘700, ma forse già esistente in questa area nel 1300, porta a pensare alla necessità di un’attenta indagine 1). (M. Ma.)

Descrizione dell’edificio:
La chiesa di Santa Maria delle Grazie, già dedicata a Santa Maria Maggiore, fu ricostruita dalle fondamenta all’epoca del patronato dei marchesi Gagliati nel XVIII secolo. In una lapide presente al di sopra del portale in pietra scolpita si legge la data 1780. Lo stesso portale è stato realizzato dalla scuola di lapicidi molisani presenti nel Vastese e peraltro impegnati nel portale e nella chiesa, annessa al castello dei Gagliati, dedicata a San Carlo Borromeo e datata 1772 nella lapide del portale.
Della fabbrica precinquecentesca si conserva la possente torre campanaria a pianta quadrata, realizzata con un paramento murario di conci ben squadrati in arenaria.
Nel registro inferiore della torre si conserva una data di difficile lettura, probabilmente 1514 (cfr. anche V. Furlani, mentre secondo l’interpretazione di B. Maurizio è del 1314). La torre doveva completare il ruolo difensivo del borgo fortificato di Palmoli (cfr. anche B. Maurizio) con la sua posizione mediana nel centro primitivo, rivolta a difesa diretta della sottostante valle del Treste e in diretto contatto visivo con le altre torri del castello e con il “torrione”.
Inoltre B. Maurizio ha ricostruito la serie dei parroci presenti nella chiesa a partire dal 1484, mentre nel ‘500 era patronato prima della famiglia di Sangro e poi dei d’Evoli. Lo stesso Maurizio ci informa (purtroppo senza dirci la data) degli artefici dei ricchi stucchi presenti all’interno della chiesa, ben “tirati a mano” da Giovannino Fagnani di Pescopennataro. Questa famiglia lavorò anche nelle chiese parrocchiali di Fresagrandinaria e San Buono nella metà dell’Ottocento.
Sull’atrio d’ingresso è presente un interessante organo, costruito da Francesco D’Onofrio nel 1745. Lo strumento è collocato sopra l’ingresso principale in una cantoria lignea sorretta da due colonne, con parapetto rettilineo, con tre specchiature con cornice e decorazioni dorate. La cassa lignea è parzialmente addossata alla parete e il prospetto è a tre campate divise da paraste con decori lignei dorati riproducenti motivi floreali. Il cornicione è rettilineo spezzato ed al centro è presente un rilievo intagliato con grandi foglie dorate mentre ai lati ci sono due vasi di legno. Sono presenti i listelli di legatura riccamente decorati e dorati. Ai lati della cassa c’erano ulteriori elementi scolpiti policromi e dorati, con teste di puttini, ora adagiate sulla cantoria. Le canne di facciata, di stagno, sono 25 e distribuite in tre campate. Lo stato di conservazione dello strumento è purtroppo pessimo, l’organo non è suonabile.
Nella chiesa è conservato, all’interno di un’urna in bronzo, il corpo di San Valentino, ubicato nella cappella omonima. Le sacre reliquie arrivarono a Palmoli nel 1824 (anche se questo centro aveva già il “santo Braccio” dal 1704). La cappella fu realizzata nel periodo 1898-1904 (completata nel 1924 secondo V. Furlani) su progetto dell’ingegner Rota. (M. Ma.)

Bibliografia:
– Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, Vasto (Ch), 1996;
– V. Furlani, Centri Storici. Interpretazione dei processi storico formativi e della dinamica aggregativi, Provincia di Chieti Assessorato Assetto del Territorio Settore V Urbanistica e Pianificazione territoriale, CD-Rom, s.d. [ma 1998-99];
– Il suono dell’arte. Gli organi antichi della Provincia di Chieti, a cura di A. Mammarella, Teramo, 2002;
– M. Massone, Visualizzazione grafica delle emergenze culturali del centro storico di Palmoli, in Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, Vasto (Ch), 1996;
– B. Maurizio, Palmoli mia. Storia di Palmoli, Vasto, 1999;
– A. R. Savino, Palmoli. Il Borgo del Castello, in Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, Vasto (Ch), 1996.

Antologia:

A. R. Savino, Palmoli in Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, p. 50

«Al Trecento risale la torre campanaria della chiesa di Santa Maria delle Grazie, in cui si conserva il Corpo Santo di San Valentino P.M. La chiesa è arricchita da un organo settecentesco intagliato e dorato e da due particolari acquasantiere, nel cui interno sono scolpiti rispettivamente un serpente ed un pesce».

 

 Potrebbe interessarti anche:

Informazioni e notizie storiche sul comune di Palmoli (Ch)