ISCRIZIONI CENTRO STUDI ALTO VASTESE

Categorie

settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Passeggiata naturalistica a Tufillo. Domenica 4 giugno

Passeggiata naturalistica a Tufillo. Escursione alla scoperta della natura della Valle del Trigno. Visita alla fattoria Fonte Trocchi per conoscere le applicazioni della permacultura.

In occasione dell’Abruzzo Openday Summer 2017, domenica 4 giugno alle ore 9:30 è prevista una interessante passeggiata naturalistica a Tufillo alla scoperta della natura, della flora e della fauna della media valle del Trigno. Al termine della passeggiata è prevista una altrettanto interessante ed istruttiva visita alla Fattoria Fonte Trocchi di Nicholas e Federica per toccare con mano le applicazioni della permacultura e dell’agricoltura sinergica, ossia la “vera” agricoltura naturale.

L’iniziativa nasce nell’ambito del progetto Riabitare il Futuro, in collaborazione con il Centro Studi Alto Vastese e l’associazione Maurizio Salvatore.

La partecipazione all’escursione è gratuita. E’ previsto un buffet di prodotti locali ad offerta libera.

 

Programma della passeggiata naturalistica a Tufillo

.ore 09.30 Ritrovo presso Piazza Fuori Porta – Tufillo

ore 9.45 Partenza (percorso facile, adatto a tutti)

ore 12.00 Arrivo presso Fattoria Fonte Trocchi

ore 12.30 Vernissage Mostra fotografica

“Le orchidee selvatiche nel Vastese”

ore 13.00 Buffet con prodotti tipici

ore 14.30 Visita della Fattoria
Per info e iscrizioni: progettoriabitareilfuturo@gmail.com – 3396853464

Cos’è il progetto Riabitare il futuro.

“RIABITARE IL FUTURO propone un’ indagine volta a promuovere il riuso e la valorizzazione di un patrimonio abitativo e paesaggistico vittima di decenni di abbandono, che comprenda una riflessione su agricoltura, architettura, tradizioni orali e artigianali, e possa divenire un campo di sperimentazione artistica e culturale. Riabitare il futuro significa tornare al passato, dalle involuzioni dell’economia capitalista globalizzata, rileggere e attualizzare forme tradizionali di occupazione e interazione sostenibile con il territorio, per progettare un futuro diverso, o semplicemente riappropriarsi di un futuro. “