ISCRIZIONI CENTRO STUDI ALTO VASTESE

Categorie

Agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

DISINFESTAZIONI AD ALTO RISCHIO. APPELLO AI SINDACI DEL VASTESE

disinfestazioni

LE DISINFESTAZIONI PRODUCONO EFFETTI NEGATIVI SU SALUTE E AMBIENTE. ESISTONO ALTERNATIVE EFFICACI ED ECOLOGICHE

Il Centro Studi Alto Vastese ha inviato una lettera a tutti i Sindaci dei comuni della Valle del Trigno per richiamare la loro attenzione sui pericoli delle campagne di disinfestazione che vengono eseguite nel periodo estivo.

Molti studi evidenziano, infatti, l’impatto negativo che le sostanze chimiche utilizzate (organo fosforici o piretroidi)  producono sulla salute umana e sull’ambiente. Per questo motivo il Centro Studi invita le amministrazioni pubbliche ad agire secondo il principio di precauzione privilegiando l’utilizzo di  pratiche e prodotti alternativi e più efficaci  per la difesa contro gli insetti infestanti.

L’ISPRA (Istituto sulla Prevenzione e la Ricerca Ambientale), evidenzia il Centro Studi,  ha recentemente pubblicato uno studio sull’impatto delle disinfestazioni chimiche in cui viene dimostrata la pericolosità  per la  salute umana e  per l’ambiente delle sostanze sintetiche irrorate nell’ambiente.  L’irrorazione di prodotti chimici usati per la disinfestazione, infatti,  non incide sulla proliferazione di questi insetti poiché l’unico modo efficace di combatterli è quello di prevenirne la nascita, dunque agire sulle larve nei focolai dove questi insetti si riproducono, vale a dire  nell’acqua stagnante. Per i tombini sono in commercio speciali dispositivi meccanici in materiale atossico e riciclabile (Mosquito Stopper) che impediscono  agli insetti di accedere all’acqua per deporvi le uova; mentre per i ristagni d’acqua è possibile utilizzare il Bacillus thuringiensis Israeliensis, un larvicida tossico per gli insetti, che ha il vantaggio di avere un’azione altamente selettiva, un impatto ambientale nullo e di essere innocuo per esseri umani ed animali.

Per quanto riguarda, invece, gli esemplari adulti, è  molto importante salvaguardare i loro predatori: i pipistrelli, gli uccelli insettivori, le libellule, gli anfibi, i pesci, le lucertole, i gechi, i ragni, le scolopendre ecc.

L’auspicio del Centro Studi è che  tanto i sindaci quanto le ASL prendano al più presto in seria considerazione  l’impatto che l’effetto cumulativo di sostanze inquinanti – presenti nell’aria, nel suolo e nelle acque –  producono su  ambiente e salute. Un segnale nella giusta direzione potrebbe essere quello di sospendere le disinfestazioni e privilegiare metodi biologici e atossici.

 

LINK UTILI per CONOSCERE LE ALTERNATIVE ALLE DISINFESTAZIONI CHIMICHE

Impatto sugli ecosistemi e sugli esseri viventi delle sostanze sintetiche utilizzati nella profilassi anti-zanzara http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/quaderni/ambiente-e-societa/impatto-sugli-ecosistemi-e-sugli-esseri-viventi-delle-sostanze-sintetiche-utilizzati-nella-profilassi-anti-zanzara)

Impatto degli insetticidi chimici, Insetticidi in casa e all’aperto
http://www.nuovedirezioni.it/sfoglia_numero_2.asp?id=21&n=48&pages=0

Lotta microbiologica: utilizzo di agenti patogeni
http://www.itozieri.gov.it/Didattica/mereu/Lotta_microbiologica_Bthuringiensis.pdf

Zanzarastop: la soluzione ecologica contro le zanzare.

http://www.sistemambiente.eu/installazioni-effettuate#

Sito dedicato all’informazione e alla documentazione relativa alle metodologie di lotta e prevenzione
http://www.infozanzare.info/

 

DOWNLOAD: Lettera inviata ai sindaci del Vastese e della Valle del Trigno “Lotta biologica contro gli insetti infestanti”

Potrebbe interessarti anche: Come difendere orti e frutteti da cinghiali e altri animali selvatici. Il peperoncino, un rimedio economico ed ecologico