ISCRIZIONI CENTRO STUDI ALTO VASTESE

Categorie

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

La Chiesa di San Giovanni Battista di Carunchio (Ch)

San Giovanni Battista di CarunchioTipologia: Impianto a navata unica.

Ubicazione: Via Monte – Carunchio (CH).

Utilizzazione: Fruibile, chiesa regolarmente officiata.

Epoca di costruzione: Primo impianto: ante XV secolo. Trasformazioni successive: XVI-XVIII secolo.

Stato di conservazione: Mediocre stato di conservazione per l’interno e l’esterno della fabbrica. Anche per la presenza di testimonianze più antiche, come nel caso della torre campanaria, la chiesa potrebbe trarre benefici da indagini stratigrafiche nel suddetto ambiente e in altre aree. (M. Ma.)

Descrizione.Le strutture precinquecentesche della chiesa sono intimamente legate a quella del castello e del borgo fortificato di Carunchio, avendo la torre campanaria un aspetto e una funzione di chiara torre di vedetta del centro fortificato. In particolare i registri inferiori della suddetta struttura conservano ancora nelle superfici a vista e, forse, anche nelle superfici interne, delle monofore ad arco trilobato (secc. XIII-XIV?) e un apparecchio murario con conci in pietra calcarea ben squadrati. Le strutture ricostruite accanto alla torre ed i successivi rimaneggiamenti di epoca settecentesca impediscono, allo stato attuale, di vedere altre parti della fabbrica antica. Nella facciata principale spicca un pregevole portale in pietra scolpita di maestranze molisane, la famiglia Calvitti di Pescopennataro del 1756, di cui è utile il confronto con quelli, assimilabili, della parrocchiale di Casalbordino e della chiesa di San Carlo di Palmoli. La chiesa subì vari restauri tra il XVI e il XVIII secolo. L’interno, a navata unica e con volta a botte, fu decorato nel 1860 e restaurato nel primo ventennio del XIX secolo.

Nel presbiterio, al di sopra di un ricco coro ligneo, è ubicato, dietro un’elaborata cantoria, il grandioso organo, costruito nel XVIII secolo (1755-1792) ed attribuito a Francesco d’Onofrio, che ha sostituito quello costruito da Liberatore Pallotta di Agnone nel 1692, riutilizzando degli elementi fonici. La particolarità di questo organo è anche legata alla sua posizione meno consueta dietro l’altare maggiore che, nell’area regionale, ci riporta al caso della chiesa di San Francesco di Larino. La cassa lignea, addossata alla parete e riccamente decorata, ha il prospetto tripartito diviso da paraste. Ai lati vi sono due colonne a tortiglioni rivestite da elementi vegetali dorati; sulle volute ai lati della cassa due putti lignei che imboccano le canne delle zampogne. Il coronamento della cassa, come pure la parte superiore delle campate, è particolarmente ricco e articolato, caratterizzato da elementi vegetali in legno intagliato e dorato. Sono presenti festoni di legatura anch’essi intagliati e dorati. L’intera struttura lignea è stata realizzata con grande raffinatezza: in particolare vanno rilevati i precisissimi incastri e la perfezione degli intarsi sul listello della tastiera e sulla tastiera stessa. La presenza di tanti accessori (uccelliere, tremolo a vento chiuso, tamburo e zampogne) rende lo strumento sicuramente uno dei più imponenti del Centro-Sud Italia. Il restauro ne ha ripristinato l’originario splendore. (G. L. V.)

Galleria fotografica

Bibliografia:
– Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, Vasto (Ch), 1996;
– V. Furlani, Studio e progetto di fattibilità recupero e valorizzazione centri storici recupero e sviluppo artigianato tipico. Comunità Montana AltoVastese, Schedatura Analitica parte II, Chieti, 1993;
– V. Furlani, Centri Storici. Interpretazione dei processi storico formativi e della dinamica aggregativi, Provincia di Chieti Assessorato Assetto del Territorio Settore V Urbanistica e Pianificazione territoriale, CD-Rom, s.d. [ma 1998-99];
– V. Furlani, Carunchio tra territorio, arte e storia, Vasto, 2004;
– Il suono dell’arte. Gli organi antichi della Provincia di Chieti, a cura di A. Mammarella, Teramo, 2002;
– M. Massone, Visualizzazione grafica delle emergenze culturali del centro storico di Carunchio in Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, Vasto (Ch), 1996;
– G. Meaolo, I vescovi di Chieti e i loro tempi, Vasto (Ch), 1996;
– A. R. Savino, Carunchio. Il Borgo dei tetti in Musica, in Cammini Europei ’96. Itinerari Culturali nella “Terra di Confine”, Vasto (Ch), 1996.

Antologia:
G. Oliva Arcivescovo dal 1568 al 1577, in G. Meaolo, I vescovi di Chieti e i loro tempi, Vasto (Ch), 1996, p. 78
«Nello stesso giorno [14 maggio] venimmo nel paese di Carunchio, in cui, come sopra, baciata la croce, fece l’ingresso professionale, e venimmo alla chiesa di S. Giovanni che si trova nell’interno di detto paese che è parrocchiale ed ha unita la chiesa di S. Pietro, che trovasi fuori di detto paese. Nella detta chiesa di S. Giovanni conferì il Sacramento della Cresima, quindi, dopo la benedizione, visitò il Sacramento dell’Eucarestia, che trovò in una custodia meno decente; comandò venisse adornato; il fonte battesimale vide e i vasi degli altri Sacramenti».

Fonte:le informazioni sono state tratte dal sito www.trignosinelloturismo.it/.

1 comment to La Chiesa di San Giovanni Battista di Carunchio (Ch)

  • Veronica

    Buenas Tardes, les escribo por que estoy buscando informacion sobre mi Bis abuelo Antonio Mire, nacido en Carunchio, Chieti aproximadamente en el año 1875, quien emigro hacia argentina entre los años 1910 – 1912 aproximadamente, necesito la partida de nacimiento del mismo para iniciar tramites de ciudadania. Cualquier informacion que puedan enviarme me será muy util. Desda ya muchas gracias.
    Veronica Aldana Mire

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>