ISCRIZIONI CENTRO STUDI ALTO VASTESE

Categorie

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

La Fonte Vecchia di San Giovanni Lipioni (CH)

Informazioni storiche sulla Fonte Vecchia di San Giovanni Lipioni

 Fonte Vecchia di San Giovanni LipioniTipologia: Fontana a parete

Ubicazione: Via Fontana Vecchia – San Giovanni Lipioni (Ch)

Utilizzazione: Fruibile, è parzialmente utilizzata per l’approvvigionamento idrico degli orti e delle campagne sottostanti.

Epoca di costruzione: Ante XIX secolo.

Stato di conservazione: Cattivo stato di conservazione. Meriterebbe una maggiore cura l’area circostante per poter migliorare la fruizione, l’informazione didattica oltre che le opere di manutenzione.

Descrizione della Fonte Vecchia di San Giovanni Lipioni. E’ utile riportare le note di V. Furlani della fine degli anni ’90 del secolo scorso sulle vicende esecutive della fontana: «Al gennaio del 1808 data il primo restauro della fontana pubblica poi ripreso nel 1821. Dopo la sistemazione della strada che dai margini dell’abitato storico conduceva al sito della fonte, opera realizzata nel 1823, un altro restauro data al 1832. Nel 1844 infine, dopo i danni rovinosi del maltempo, si provvide per un intervento globale di ripristino strutturale e di recupero delle vene acquifere che s’erano nel frattempo andate perdendo ad opera del costruttore di Pescopennataro Anselmo Tempesta, sotto la cura del sindaco Aloysio Ciafardo».
La fontana, che ha sofferto notevolmente delle modifiche stradali presenti intorno ed al di sopra di essa, presenta nella sua semplicità un carattere monumentale e scenografico. Come poche nel Vastese ha conservato, sebbene in cattivo stato di conservazione, l’intera sistemazione dell’area con un leggero declivio (un tempo acciottolato), due fronti laterali con pareti in conci di pietra ben sagomati, oltre che un arco per il deflusso delle acque a valle e il prospetto principale composto da un arco a tutto sesto (sulla destra) e un’ampia vasca sulla sinistra.

Il complesso monumentale presenta una atipicità che lo rende più interessante, con numerosi livelli della superficie in un’alternanza di soluzioni a filo o arretrati rispetto alla muratura, probabilmente per motivi funzionali, ma che oggi la rendono particolarmente “mossa”. Gli elementi strutturali sono semplici ma solidi pilastri, archi a tutto sesto, oltre che mascheroni e lastre fitomorfe e zoomorfe in pietra, qui riutilizzate e provenienti, forse, dalla fontana precedente. (G. L. V.)

Bibliografia:
– V. Furlani, Studio e progetto di fattibilità recupero e valorizzazione centri storici recupero e sviluppo artigianato tipico. Comunità Montana AltoVastese, Schedatura Analitica parte II, Chieti, 1993;
– V. Furlani, Centri Storici. Interpretazione dei processi storico formativi e della dinamica aggregativi, Provincia di Chieti Assessorato Assetto del Territorio Settore V Urbanistica e Pianificazione territoriale, CD-Rom, s.d. [ma 1998-99];
– L. Picciani, San Giovanni Lipioni. Sulle orme dei padri, Bucchianico, 1995;
– Rete sentieristica, Comunità Montana Alto Vastese, Lanciano, 2004, opuscolo.

Fonte: la foto e le informazioni sono state tratte dal sito www.trignosinelloturismo.it/.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>